Tempo di lettura: 2min

Fondo Aristotele si apre a nuovi investitori

4/13/2011 | Marcella Persola

Il fondo immobiliare creato da Fabrica Immobiliare SGR con Inpdap dopo aver investito 600 milioni negli atenei universitari ha deciso di...


 

Le Università possono rappresentare una buona risorsa per il mondo del real estate. Il censimento realizzato da Scenari Immobiliari in collaborazione con Fabrica Immobiliare SGR ha individuato un patrimonio di 14 milioni di metri quadrati con una popolazione di due milioni di persone per un valore di mercato di oltre 34 miliardi di euro di cui 6 a Milano e 5 a Roma.

 

Il censimento ha riguardato 95 atenei (pubblici, privati e telematici), 226 località e 1.400 sedi universitarie in tutta Italia ma ha compreso soltanto gli immobili strumentali, ovvero quelli utilizzati per la didattica. E' emerso che non tutti sono di proprietà delle università, il 10% è diviso tra Demanio, amministrazioni locali ma anche privati. 

 

A livello geografico il patrimonio più ingente si trova in Lombardia, con oltre 2,5 milioni di mq per un valore di mercato pari a 7,2 miliardi di euro. Segue il Lazio  con 1,5 milioni di mq e un valore di mercato pari a 5,3 miliardi. "L'edilizia universitaria è un segmento immobiliare nel quale Fabrica ha maturato un'esperienza distintiva tramite la gestione del fondo Aristotele" racconta Marco Doglio, a.d. e d.g. della SGR. "Come dimostra lo studio ci sono ampi margini di valorizzazione del patrimonio che riteniamo si possano concretizzare tramite strumenti trasparenti come i fondi immobiliari sottoscritti da investitori istituzionali attenti, oltre che a rendimenti positivi, alle ricadute sociali dei loro investimenti".

 

Per queste motivazioni la SGR ha chiesto ad Inpdap che è stato fino ad oggi il principale investitore del fondo Aristotele, di "rinunciare alla maggioranza" per aprire il fondo ad altri investitori istituzionali, in particolare Casse di Previdenza, Fondazione Bancarie, Assicurazioni e altro. Infatti è stata approvata da poco la modifica del fondo che prevede la possibilità di entrarvi sia apportando equità, sia con aste. E' stata tra l'altro anche allungati di dieci anni la durata del fondo. 

 

Per Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari "siamo all'inizio di un percorso già visto anche per altri immobili. E' il caso ad esempio del patrimonio del mondo assicurativo, di quello industriale e di quello demaniale". 

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?