Tempo di lettura: 2min

BNP Paribas IP: reddito fisso, ci vuole il paracadute

5/10/2012 | Massimo Morici

Il debito sovrano in Europa continuerà a rappresentare un fattore di rischio determinante, speiga ad AdvisorOnline Antonino De Gaetani, gestore obbligazionario di BNP Paribas Investment Partner. Ecco come impatterà sulle obbligazioni societarie


Questa prima metà del mese di maggio si è mostrata molto importante in termini di notizie che possono impattare il mercato obbligazionario nelle prossime settimane. In particolare i risultati delle elezioni in Francia ed in Grecia, che hanno mostrato in entrambi i casi una sconfitta per i governi precedentemente in carica, alimentano non poche incertezze sulle misure che verranno adottate a livello europeo per risolvere i problemi relativi al debito sovrano. Ma quali fattori impatteranno sulle  obbligazioni societarie? AdvisorOnline ha sentito Antonino De Gaetani (nella foto), gestore obbligazionario di BNP Paribas Investment Partners, secondo cui il rischio sovrano continuerà a rappresentare un fattore determinante.


“A livello settoriale -spiega - riteniamo che il settore finanziario potrebbe essere impattato in maniera più decisa proprio dai risultati delle elezioni. La vittoria dei partiti di opposizione in Grecia, che si oppongono alle misure di austerity necessarie per consentire l’erogazione delle prossime tranche del piano di salvataggio, potrebbe mettere in discussione gli accordi già raggiunti e portare le banche ad avere perdite ancora maggiori sui propri investimenti nel paese.  In questo contesto potrebbero soffrire sicuramente le emissioni subordinate e con scadenze più lunghe. Non riteniamo invece che la vittoria di Hollande in Francia possa avere un impatto significativo sul mercato, che ha già visto un po’ di nervosismo sulle emissioni francesi nelle settimane precedenti il voto solamente a causa della situazione di incertezza”.


In un contesto di particolare volatilità per gli spread dei titoli di stato, il gestore di BNP Paribas IP considera ancora un ottimo strumento di diversificazione l’investimento in obbligazioni corporate degli altri settori. “L’ottimo stato di salute dei bilanci aziendali - prosegue - ed in alcuni casi l’ampia diversificazione del business a livello geografico consentono a questi strumenti di assorbire meglio le problematiche europee. Raccomandiamo cautela solamente sui settori particolarmente ciclici, che potrebbero venire impattati dal rallentamento economico, e su alcuni emittenti dei paesi periferici che potrebbero risentire in modo più pronunciato delle politiche economiche restrittive dei rispettivi governi (utilities e telecom italiane e spagnole).”

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?