Tempo di lettura: 3min

Per gli istituzionali l'incertezza farà rima con normalità

10/18/2012

E' questo uno dei punti emersi dal sondaggio effettuato da Natixis Global Asset Management presso circa 500 investitori istituzionali a livello internazionale.


La crisi finanziaria ha mandato all'aria tutte le strategie e l'incertezza dei mercati farà rima con normalità.

 

E' questo uno dei punti emersi dal sondaggio effettuato da Natixis Global Asset Management presso circa 500 investitori istituzionali a livello internazionale.

 

La maggioranza degli investitori istituzionali dei vari Paesi ha sottolineato, infatti, l’inadeguatezza delle tradizionali metodologie di investimento nel rispondere alle mutate condizioni di mercato e si sta orientando verso approcci che permettano al contempo la crescita del capitale nel lungo periodo e un controllo più efficiente del rischio di portafoglio.

E il rischio è anche una delle principali paure degli investitori istituzionali in Italia, dove il 40% è turbato dall’aumento della volatilità e della rischiosità.

Per il 17%, infatti, la preoccupazione principale è la capacità di reagire velocemente all’estrema volatilità dei mercati, per il 13% il possibile contagio causato dalla crisi e sempre per il 13% il manifestarsi di rischi imprevisti nel proprio portafoglio.

E tale situazione giustifica la prudenza registrata nei portafogli. In media, gli istituzionali italiani detengono la quota maggiore dei propri asset in categorie che hanno una volatilità minore come obbligazioni (34%) e liquidità (16%), rispetto ad investimenti più legati ai movimenti di mercato come le azioni (18%), agli investimenti alternativi (hedge fund, private equity e venture capital) che rappresentano il 9% del portafoglio o ad asset reali come obbligazioni legate all’inflazione, materie prime e immobiliare (8%).

 

Le tre variabili economiche che risultano determinare maggiormente le scelte di investimento degli istituzionali sono la crisi finanziaria europea (70%), la crescita economica (57%) e i livelli del debito sovrano dei vari paesi (54%).

 

Alcuni dettagli della ricerca:


Gestione del rischio

La quasi totalità degli investitori italiani intervistati (80%) ha saputo reagire alle mutate condizioni economiche modificando il proprio approccio alla gestione del rischio e il 64% è convinto che il modello adottato sia quello corretto per l’attuale fase di mercato. Per il 93% la chiave per gestire il rischio di portafoglio in maniera efficiente è aumentare l’esposizione verso asset non correlati all’andamento dei mercati. Rimane comunque una percentuale abbastanza elevata (33%) di investitori secondo cui il rischio non può essere gestito in modo efficiente a causa della volatilità dei mercati.


Investire in strategie alternative

Due terzi degli istituzionali ritengono sia necessario sostituire le tradizionali tecniche di costruzione del portafoglio e di diversificazione e il 63% considera le asset class tradizionali eccessivamente correlate, tanto che il 57% ritiene essenziale investire in strategie alternative per riuscire a sovraperformare i mercati. Degli intervistati che hanno già in portafoglio investimenti alternativi, l’83% è soddisfatto dei rendimenti ottenuti.


Impatti della nuova regolamentazione

Per il 77% degli intervistati una delle conseguenze inattese di una riforma finanziaria globale potrebbe essere una diminuzione di trasparenza, anziché un miglioramento di essa e per il 70% potrebbe addirittura aumentare i rischi sistemici. Una netta maggioranza degli istituzionali italiani (70%) concorda, inoltre, che una regolamentazione dei meccanismi mark-to-market potrebbe impedire agli investitori di ottenere benefici dall’andamento dei mercati.

 

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?