Tempo di lettura: 2min

Raccolta fondi: azioni e bond fuori Eurozona

5/30/2012

Morningstar Italy pubblica il report sui flussi dei fondi del mese di aprile 2012. Gli investitori prendono distanza dall'area Euro. "Nonostante tensioni su mercati, risultati positivi" commenta Dan Lefkovitz


 

Gli ultimi dati sui flussi europei nei fondi, elaborati da Morningstar, mostrano un inizio positivo del secondo trimestre 2012 sia per i comparti a breve che a lungo termine. Nel mese di aprile, gli investitori hanno investito più di 14 miliardi di euro in monetari e circa 4,3 miliardi in quelli con orizzonte temporale maggiore. La raccolta si è concentrata sugli obbligazionari, in particolare quelli specializzati sul debito corporate e quello non europeo. Il Vecchio continente ha sofferto anche nell’equity, con la categoria Morningstar azionari area euro large cap che ha perso 900 milioni di euro.
 
 
“Nonostante le tensioni del mercato, i flussi in entrata nei fondi domiciliati in Europa sono stati positivi all’inizio del secondo trimestre del 2012. Ma i fondi che hanno attratto maggior capitale sono quelli che investono fuori dall’Eurozona, sia sul fronte azionario sia su quello obbligazionario”. Questo il commento di Dan Lefkovitz del Morningstar European Research team.
 
 
I risultati principali dell’analisi Morningstar sono i seguenti:
 
 
- Il reddito fisso ha attratto quasi 6 miliardi di euro di asset nel mese di aprile.
 
- I fondi obbligazionari, che non hanno puntato sul debito governativo europeo, hanno dominato i flussi, con le obbligazioni high yield americane, corporate inglesi, globali e dei mercati emergenti tra le categorie Morningstar più popolari.
 
- Il mese di aprile ha registrato flussi netti per più di un miliardo di euro in fondi bilanciati.
 
- I fondi azionari hanno sperimentato il loro secondo mese consecutivo di deflussi netti, con fuoriuscite per quasi un miliardo di euro.
 
- La categoria Morningstar azionari area euro large cap nel mese di aprile ha sofferto per il quattordicesimo mese consecutivo, perdendo 900 milioni di euro. La categoria azionari Europa large-cap value ha perso 2 miliardi di euro nell’ultimo anno.
 
- I fondi alternativi, le commodity e i fondi convertibili hanno avuto deflussi cumulativi per 1,7 miliardi di euro.
 
- Diversi Etf domiciliati in Europa, focalizzati sull’Euro Stoxx50, hanno registrato deflussi.
 
- Alliance Bernstein American Income ha beneficiato in modo significativo dell’orientamento degli investitori verso obbligazioni non europee, attraendo 500 milioni nel mese di aprile e portando il totale dell’ultimo anno a 2,4 miliardi.
 
- UBS ha registrato incrementi per 3,3 miliardi di euro circa, grazie ai fondi azionari indicizzati focalizzati su società americane, europee, globali e giapponesi.

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?