Tempo di lettura: 4min

In diretta dalla borsa con BNP Paribas

4/26/2012 | marco.gementi

Piazza Affari torna alla piena operatività dopo la seduta semifestiva della vigilia. Il mercato ha messo a segno ieri un rialzo sostenuto dopo i profitti record di Apple e...


Piazza Affari torna alla piena operatività dopo la seduta semifestiva della vigilia. Il mercato ha messo a segno ieri un rialzo sostenuto dopo i profitti record di Apple e i conti di altre big che sono risultati migliori delle attese. Buone indicazioni dal fronte spread con il differenziale sceso a quota 390 punti. Draghi ipotizza un patto europeo per lo sviluppo. Secondo Monti serve il rigore. Oggi e domani due aste fondamentali per l'Italia: saranno offerti titoli a breve e lungo termine per complessivi 13,5 miliardi di euro. Attenzione ai rendimenti. Nel frattempo questa mattina hanno rilasciato le trimestrali due colossi tedeschi: Deutsche Bank ha evidenziato un utile leggermente inferiore alle attese. Mentre Bayer ha mostrato risultati solidi e migliori delle stime degli analisti.  

 

Ecco i titoli da monitorare:

 

ENI

Eni ha firmato con Rosneft un accordo di cooperazione strategica. L'intesa prevede lo sviluppo congiunto di licenze esplorative situate nell'offshore russo del Mare di Barents e del Mar Nero, lo scambio di tecnologie e personale e l'acquisizione da parte della società russa di partecipazioni del colosso italiano in progetti internazionali. In base al deal il Cane a sei zampe e Rosneft costituiranno delle joint venture, partecipate dalla società di San Donato con una quota del 33,33%, per lo sviluppo congiunto delle licenze. Le riserve recuperabili complessive stimate sono pari a 36 miliardi di barili di olio equivalente. Dal fronte giudizi, è giunta la conferma della raccomandazione sulla società guidata da Paolo Scaroni da parte di Fitch. L'agenzia Usa ha ribadito il rating emittente di lungo termine ad A+ con outlook stabile.

 

Cod. Neg. Sottostante Tipo Scadenza Ratio Strike
P27035 ENI Bonus Cap 19.10.12 1,00 16,1000

 

 

APPLE

Non si arresta la corsa di Apple con una trimestrale ben sopra le attese degli analisti. La società di Cupertino ha messo a segno utili in crescita del 94% a 11,6 miliardi di dollari, 12,3 dollari per azione, rispetto ai 6 miliardi conseguiti un anno fa. In aumento del 59% il fatturato, che si è attestato a 39,2 miliardi. Gli analisti avevano pronosticato un Eps di 10 dollari per azione e un giro d’affari per circa 37 miliardi di euro. Ad influire positivamente sul risultato sono state le vendite di iPhone, spinte soprattutto dal mercato cinese in cui sono stati venduti nel trimestre 35,1 milioni di apparecchi, il 10% in più del previsto e l'88% in più dell'anno scorso.

 

Cod. Neg. Sottostante Tipo Scadenza Ratio Strike
P56271 APPLE Athena Relax 02.03.15 1,00 542,4400

 

 

FIAT

Fiat potrebbe pensare all'export grazie all'ampliamento nel 2014 della capacità produttiva dell'impianto Changsa in Cina. Parola di Jack Cheng, general manager di Gac, socio cinese del Lingotto, in un'intervista a Quattroruote dal Salone dell'Auto in corso a Pechino. "Per ora siamo concentrati sul mercato cinese", ha sottolineato Cheng al mensile "poi diciamo dal 2014 porteremo la capacità totale dell'impianto Changsa a 300 mila unità l'anno e allora potremo considerare l'esportazione", spiegando come la nuova Fiat Viaggio, essendo prodotta sulla piattaforma globale Fiat-Chrysler, può essere venduta su qualsiasi mercato.

 

Cod. Neg. Sottostante Tipo Scadenza Ratio Strike
P27555 FIAT Athena Airbag 21.02.14 1,00 4,5760

 

 

SIEMENS

Siemens ha tagliato la guidance sull’utile per l'esercizio fiscale 2012 a causa di un aumento dei costi, legati alle perdite per la ristrutturazione di Nokia Siemens Networks, e al calo degli ordini che hanno impattato nel secondo trimestre. A marzo l'utile netto si è sceso a 981 milioni di euro, dai 2,8 miliardi dello scorso anno e contro le previsioni di 1 miliardo di euro degli analisti. In calo del 13% i nuovi ordini a 17,8 miliardi contro i 20 miliardi attesi. Le previsioni del colosso tedesco per gli utili da operazioni continue si attestano ora nel range tra i 5,2 e i 5,4 miliardi di euro, rispetto alla precedente prospettiva di 6 miliardi.

 

Cod. Neg. Sottostante Tipo Scadenza Ratio Strike
P21544 SIEMENS Bonus Cap 26.06.12 1,00 91,6000





 

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?