Tempo di lettura: 2min

Consulenti finanziari (ex-promotori finanziari), anche le SIM nel mirino dell'OAM

11/6/2012 | Francesco D'Arco

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze interviene sul tema OAM chiarendo le regole relative al periodo transitorio dei consulenti finanziari (ex-promotori finanziari). Ma, implicitamente, introduce un nuovo obbligo.


 

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze interviene sul tema OAM chiarendo le regole relative al periodo transitorio dei consulenti finanziari (ex-promotori finanziari). Ma nella nota del MEF spunta, anche se in maniera implicita, una nuova sorpresa: le SIM sono obbligate a iscrivere i proprio consulenti finanziari (ex-promotori finanziari) all'elenco degli agenti in attività finanziaria. Ma andiamo con ordine.
 
 
Per quanto riguarda il periodo transitorio, secondo quanto riportato nella circolare del MEF, i consulenti finanziari (ex-promotori finanziari) in possesso del requisito dell’esperienza triennale nel quinquennio precedente la data di istanza di iscrizione nell’elenco possono presentare tale istanza “entro il 31 dicembre 2012 ... e continuare a svolgere, sulla base delle regole vigenti prima del 17 ottobre 2012, l’attività di agenzia in attività finanziaria senza soluzione di continuità”. Questi consulenti (ex-promotori), ricorda il MEF, sono esonerati dal superamento dell’esame con la certificazione dell’intermediario attestante lo svolgimento dell’attività e dovranno cessare lo svolgimento dell’attività nel caso di rigetto dell’istanza di iscrizione.
 
 
Per quanto riguarda, invece, i consulenti (ex-promotori) che non hanno tali requisiti, il MEF ricorda che sono obbligati a "a sostenere l’esame" ma che potranno "continuare a svolgere l’attività di agenzia in attività finanziaria" purché abbiano "presentato la richiesta per lo svolgimento dell’esame, secondo i termini e le modalità definite dall’OAM. Ovviamente” – prosegue il MEF – “in caso di mancato superamento dell’esame o di rigetto della istanza di iscrizione, il consulente (ex-promotore) dovrà cessare lo svolgimento dell’attività in parola”.
 
 
Ma la vera sorpresa riguarda, appunto, i consulenti finanziari (ex-promotori finanziari) che lavorano presso una SIM e che, secondo quanto emerso finora, erano esonerati dall'iscrizione all'OAM. La circolare del MEF, nel ricordare l’obbligo di iscrizione nei nuovi elenchi gestiti dall’OAM per gli agenti e i mediatori di assicurazione, non ha distinto gli agenti assicurativi che intendano esercitare in proprio l’attività di agente finanziario da quelli che promuovano e collochino contratti creditizi e bancari per conto delle imprese di assicurazione. Decisione che fa supporre che anche questi ultimi devono ritenersi assoggettati all’obbligo di iscrizione in esame. E, dal momento che la situazione di questi soggetti è simile a quella dei consulenti finanziari (ex-promotori finanziari) operativi presso le SIM, è forte ora la sensazione che anche per questi (finora considerati esonerati dall'OAM) scatta l'obbligo di iscrizione al nuovo elenco.
 
 
Si attende sulla questione ora un riscontro esplicito da parte dell’Autorità.
 

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?