Tempo di lettura: 1min

USA: piano con Londra per evitare una nuova Lehman

5/21/2012 | Roberto Abate

Secondo il Financial Times secondo cui le autorità prevedono una presa di controllo da parte delle autorità pubbliche, con perdite per gli azionisti e bond holders, pur di mantenere attive le operazioni di retail


Per evitare dopo soli tre anni una nuova Lehman Brothers, le autorità di USA e Gran Bretagna stanno studiando un piano per la nazionalizzazione forzata dei sette principali gruppi bancari. Lo rivela il Financial Times secondo cui Banca d'Inghilterra, la Financial Services Authorithy britannica e la Federal Deposit Insurance Corporation americana stanno definendo un resolution plan per gestire le modalità di liquidazione di una di queste sette banche, tra cui oltre JP Morgan, che starebbe accusando un buco da 5 miliardi di dollari, comparirebbero anche Goldman Sachs e Barclays.


L’ipotesi, ancora allo studio delle autorità, prevede in particolare una presa di controllo da parte delle autorità pubbliche, che imporrebbero perdite agli azionisti e ai detentori di obbligazioni pur di mantenere attive le operazioni di retail. L'obiettivo, spiega il giornale, è quello di evitare una replica del crollo di Lehman Brothers, che ebbe gravi ripercussioni anche sul braccio europeo dell'istituto, che pure avrebbe restare operativo. Questa manovra, inoltre, potrebbe anche stimolare altre autorità nazionali di regolazione del sistema finanziario a elaborare piani simili.

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?