Tempo di lettura: 5min

Cosa succederebbe se la Fed non effettuasse tagli ai tassi d'interesse quest'anno?

6/12/2024 | Redazione ADVISOR


All'inizio di quest'anno, molti investitori erano convinti che la Federal Reserve statunitense avesse in programma quattro tagli dei tassi d'interesse entro la fine del 2024. Allora, mi era sembrata una mera illusione – sottolinea Darrell Spence, economista di Capital Group. Oggi, data un'inflazione superiore alle attese, penso che sia ancora più improbabile. Credo che, con ogni probabilità, quest'anno non ci sarà alcun taglio dei tassi, ma i mercati dovrebbero riuscire a sopravvivere anche senza.

Alcuni investitori in attesa di un taglio dei tassi potrebbero sentirsi come se il Natale venisse annullato. Tuttavia, se la Fed decide di non agire, non si avrà necessariamente un esito negativo, per diverse ragioni. A mio avviso, ci sono tre buoni motivi per mantenere al livello attuale il tasso dei fondi federali per tutto il 2024.

1. L'economia statunitense è in grado di gestire la situazione

L'economia statunitense continua a crescere a un ritmo sostenuto nonostante un forte aumento del tasso dei fondi federali fino all'attuale intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,50%. È ai massimi degli ultimi 23 anni. Eppure, il Fondo monetario internazionale (FMI) prevede che l'economia statunitense si espanderà quest'anno a un tasso più che doppio rispetto ad altri principali Paesi sviluppati.

La resilienza dell'economia statunitense, a fronte di tassi d'interesse molto più elevati, è stata una delle principali sorprese degli ultimi due anni. Non molto tempo fa molti investitori ed economisti pensavano che ci sarebbe stata una recessione. Ora sembra che l'economia statunitense possa crescere a un tasso superiore alle previsioni del FMI, raggiungendo potenzialmente il 3% a fronte della continua spesa dei consumatori americani, del mercato del lavoro che rimane rigido e dei produttori che investono in catene di approvvigionamento di nuova diversificazione nell'era post-pandemia.

Alla luce di questa resilienza, vi sono motivi per temere che l'economia statunitense possa surriscaldarsi se la Fed dovesse abbassare i tassi prematuramente, potenzialmente reinnescando le pressioni inflazionistiche.

Il che mi porta al prossimo motivo.

2. I progressi sull'inflazione sono in stallo

Non c'è dubbio che la battaglia della Fed contro l'inflazione finora ha avuto esiti positivi, ma non è ancora finita. I prezzi al consumo sono scesi rispetto ai massimi raggiunti a giugno 2022, ma rimangono nettamente al di sopra dell'obiettivo del 2% fissato dalla Fed. Superare quell'ultimo tratto, dal 3,0% al 2,0%, potrebbe essere la parte più difficile del viaggio. 

In ultima analisi, se la Fed non taglierà i tassi quest'anno, è probabile che l'inflazione non diminuisca così rapidamente come previsto dai funzionari delle banche centrali. A mio avviso, questo è uno scenario probabile. Gran parte del recente calo dell'inflazione si è verificato nel settore dei beni di consumo, dove i prezzi sono scesi al ritmo più rapido in quasi 20 anni. Non credo che questo sia sostenibile, soprattutto perché il dollaro statunitense non si sta più rafforzando al ritmo osservato lo scorso anno.

Inoltre, l'aumento dei prezzi delle abitazioni potrebbe avere un impatto maggiore sull'inflazione dei canoni di locazione rispetto al passato, alla luce dei recenti cambiamenti nella metodologia di raccolta dei dati. Al di fuori del settore immobiliare, l'inflazione del settore dei servizi si sta muovendo nella direzione sbagliata, salendo a un tasso annualizzato superiore al 6,0% negli ultimi sei mesi. Questo dipende in gran parte da una forte crescita dei salari grazie alla solidità del mercato del lavoro. 

Si potrebbe pensare che un'inflazione compresa tra il 2,5% e il 3,0% sia sufficientemente vicina, ma la Fed ha ripetutamente sottolineato l'importanza dell'obiettivo del 2,0%. Pertanto, dovremmo presumere che 40 o 50 punti base al di sopra del target siano troppo alti oggi.

3. Ai mercati finanziari va bene lo status quo

I mercati azionari statunitensi e internazionali hanno raggiunto più volte livelli record nel primo trimestre del 2024. Aprile è stato meno entusiasmante, soprattutto a causa dei timori legati all'inflazione e delle crescenti tensioni in Medio Oriente. Tuttavia, è chiaro che i titoli nel loro complesso sono stati in grado di superare il timore che un aumento dei tassi d'interesse potesse arrestare la fase rialzista del mercato cominciata all'inizio dello scorso anno. Mentre gli investimenti obbligazionari più sensibili ai tassi d'interesse hanno registrato rendimenti più deboli quest'anno a causa delle variazioni delle aspettative sui tassi, altri settori obbligazionari maggiormente guidati dall'andamento del credito hanno avuto un andamento favorevole, dato che utili e crescita economica hanno sorpreso al rialzo. Infine, gli investitori obbligazionari beneficiano di rendimenti più elevati con i rendimenti del reddito nei mercati obbligazionari.

Alla luce di queste condizioni, penso che sia sempre più probabile che quest'anno non assisteremo ad alcun taglio o rialzo da parte della Fed. Potrei sbagliarmi? Naturalmente. Il mercato obbligazionario sta attualmente scontando uno o due tagli ai tassi entro la fine di dicembre. E anche se la mia ipotesi di base non prevede alcun taglio, i recenti commenti della Fed suggeriscono che uno o due tagli (25 punti base ciascuno) sono certamente una possibilità. 

Ne sapremo di più dopo l'imminente riunione della Fed. Credo che i funzionari della Fed desiderino effettuare dei tagli ai tassi. Hanno chiarito che ritengono che la politica attuale sia restrittiva e, pertanto, è ragionevole concludere che siano propensi al taglio dei tassi.

Tuttavia, come investitori, credo che dovremo mettere in discussione tale ipotesi. Dobbiamo considerare la possibilità che, alla luce della recente crescita sana, la politica della Fed non sia restrittiva. Forse questo è il motivo per cui non abbiamo avuto una recessione. E forse questo è il motivo per cui nel 2024 non ci sarà alcun taglio dei tassi.

Invece di essere un fattore negativo, tuttavia, l'assenza di un taglio dei tassi quest'anno potrebbe semplicemente riflettere il fatto che l'economia statunitense sta andando abbastanza bene e ricordarci che la storia suggerisce che potrebbe essere un momento eccellente per investire sia in titoli azionari che in titoli obbligazionari orientati al credito per gli investitori disposti ad adottare una prospettiva di lungo termine.

Per maggiori dettagli

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?