Tempo di lettura: 4min

Oro ai massimi entro la fine dell’anno

5/23/2023 | Redazione Advisor

Nitesh Shah (WisdomTree): “Il posizionamento speculativo netto nei future sul prezioso è aumentato notevolmente nel 2023, soprattutto dopo il fallimento della Silicon Valley Bank”


“L'oro è entrato nel secondo trimestre del 2023 con grande forza. Spinto dai dissesti del settore bancario e dalle preoccupazioni per le conseguenze dello sfondamento del tetto del debito da parte degli Stati Uniti, l'oro ha sfiorato i suoi massimi storici”. Nitesh Shah, head of commodities and macroeconomic research di WisdomTree, si aspetta che “il metallo raggiunga un nuovo massimo storico (nominale) entro la fine dell'anno”. *

“Il posizionamento speculativo netto nei future sull'oro - constata l’analista - è aumentato notevolmente nel 2023, soprattutto dopo il fallimento della Silicon Valley Bank. Prima dei problemi del settore bancario, il posizionamento nei future sull'oro, che misura il sentiment degli investitori nei confronti del metallo, appariva piuttosto debole. Un po' in ritardo, i flussi verso gli ETP (exchange-traded product) sull'oro sono aumentati, ma non nella stessa misura che abbiamo osservato nel mercato dei future. Se coloro che investono in ETP dovessero tornare in forze, potremmo assistere a un ulteriore aumento dei prezzi dell'oro. L'oro sta superando il mercato obbligazionario. I rendimenti reali delle obbligazioni sono aumentati durante gran parte del mese di aprile e, nonostante questo sarebbe normalmente negativo per i prezzi dell'oro, anche questi ultimi sono saliti”.

“Nel 2022 - ricorda il manager - le banche centrali hanno acquistato volumi record di oro. Ovviamente, questo è avvenuto prima che il settore iniziasse a vacillare, quindi è improbabile che ci sia un collegamento. Nell'ultimo decennio, le banche centrali dei Paesi in via di sviluppo sono state le principali acquirenti di oro. In generale, desiderano ottenere diversificazione allontanandosi dal dollaro USA per evitare di ‘importarne’ la politica monetaria. L'oro, in qualità di pseudo-valuta che assume, formalmente e informalmente, il ruolo di strumento monetario da diversi millenni, è tornato in auge per molte banche centrali. Uno dei motivi alla base del massiccio acquisto di oro dello scorso anno è lo spavento provocato dalle sanzioni imposte alla Russia tra le banche centrali di tutto il mondo. L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022 ha scatenato un'ondata di sanzioni finanziarie contro Mosca promosse dagli Stati Uniti. Passare all'oro (la pseudo-moneta che nessuna banca centrale controlla) è stata percepita come l'alternativa più appropriata. L'acquisto di oro da parte delle banche centrali continua senza sosta nel 2023. Le riserve globali di oro sono aumentate di 114 tonnellate nel primo trimestre del 2023. Questo rappresenta il più forte inizio d'anno in termini di acquisti di oro da parte delle banche centrali dal 2010. Mantenere un tale slancio dopo il 2022 è positivo. La Cina ha registrato acquisti di oro per cinque mesi consecutivi”.

Per l’analista, la nuova preoccupazione, è il tetto del debito degli Stati Uniti: “Mentre i timori del settore bancario hanno promosso la prima fase dell'interesse per l'oro tra gli investitori e la diversificazione valutaria a favore del metallo tra le banche centrali, il prossimo catalizzatore dell'interesse per lo stesso potrebbe essere il tetto del debito degli Stati Uniti. Il tetto del debito rappresenta un limite autoimposto alla quantità di denaro che il governo degli Stati Uniti può prendere in prestito per pagare servizi come la previdenza sociale, Medicare e l'esercito. Più di tre mesi fa il dipartimento del Tesoro ha avvertito che il governo degli Stati Uniti aveva raggiunto il suo limite di indebitamento. Da allora, il dipartimento del Tesoro ha adottato "misure straordinarie" per garantire che il governo possa continuare a sostenere le proprie spese. Il 1° maggio 2023, Janet Yellen, Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, ha avvertito che il governo avrebbe esaurito le sue riserve di liquidità e i trucchi di bilancio ("misure straordinarie") già entro il 1° giugno 2023. In una tale situazione, gli Stati Uniti potrebbero rischiare il default o dover affrontare gravi tagli alla spesa. Nessuno dei due esiti sarebbe auspicabile ed entrambi farebbero svanire qualsiasi speranza di un atterraggio morbido. Pertanto, il Congresso dovrà agire rapidamente per evitare un disastro economico”.

“Tuttavia, anche un accordo dell'ultima ora potrebbe causare danni considerevoli, in quanto gli investitori potrebbero innervosirsi e rinunciare al rischio per paura di un incidente. Ci aspettiamo che la domanda di oro come copertura continui ad aumentare”, conclude Shah.

Condividi

Seguici sui social

Advisor è la prima piattaforma interamente dedicata alla consulenza patrimoniale e al risparmio gestito con oltre 38.000 professionisti già iscritti


Accedi a funzionalità esclusive e migliora la tua esperienza di navigazione


  • Leggi articoli esclusivi
  • Salva le tue news preferite
  • Partecipa ad eventi esclusivi
  • Sfoglia i magazine in anteprima

Iscriviti oggi!

Hai già un profilo? Accedi qui

Cerchi qualcosa in particolare?